Buon 2016 di storie, viaggi e taccuini a quadretti

buoni propositi 2016Buon 2016 a tutti!

Come cominciare a scrivere nell’anno nuovo? Con cosa augurarvi buon inizio? Ci ho pensato un po’ su, e ho deciso di farlo così: pensieri (un po’) sparsi, di libri, viaggi e storie. Di quello che vorrei scoprire e di quello di cui vorrei riempire nei prossimi mesi queste pagine virtuali.

Vorrei leggere libri che mi facciano sentire bene e raccontarvi i viaggi letterari in cui mi hanno condotta.

Vorrei farveli raccontare dagli stessi scrittori e scoprire cosa leggono gli scrittori in viaggio.

Vorrei farvi conoscere chi viaggia per lavoro e per raccontare il mondo, e condividere con voi i loro suggerimenti di lettura.

Vorrei scoprire librerie, musei, biblioteche, tour culturali in giro per il mondo e scriverne. Vorrei vivere di persona i festival letterari in giro per l’Italia, fotografarli e parlarne con voi.

Vorrei viaggiare, tornare in città che amo (Parigi e Berlino in primis), scoprirne di nuove, e raccontarle.
Vorrei incontrare chi viaggia con i libri e ascoltare la loro storia. Vorrei scrivere delle storie. Vorrei scrivere ancor di più della mia Puglia e di come la raccontano i suoi scrittori.

Vorrei farvi passeggiare con me nella #MilanoDaLeggere e curiosare nelle vostre città da leggere.

E vorrei fare #viaggibambini, vorrei raccogliere libri di viaggio per bambini e mappe e guide e tutto ciò che è utile alle famiglie viaggiatrici.
E poi vorrei finalmente riuscire a fare tutte queste cose con un taccuino in mano.

buoni propositi 2015

In che senso? Si dice che la maggior parte dei buoni propositi pensati a Capodanno vengano abbandonati neanche alla soglia di febbraio. Ebbene, personalmente a questi io ci aggiungo i taccuini, le agende, i quadernetti. Ci ricasco sempre. Parto con entusiasmo e con l’idea di avere quel volumetto sempre con me e di tenerci nota un po’ di tutto, impressioni, appuntamenti, impegni, vita. Ma passano poche settimane e il taccuino resta a prendere polvere. Quest’anno ci vorrei riprovare, mi piace l’idea di tornare a prendere appunti con penna e carta – ma in modo ordinato – anzichè digitando con le dita su uno smartphone. Ci riuscirò? Intanto delimito il campo:
Vorrei un taccuino in cui annotare le idee che nascono improvvisamente in giro e in quel momento non hai mai nulla con te per fermarle.
Vorrei un taccuino per ricordarmi quello che leggo e segnare le pagine dei libri che mi colpiscono di più (e raccontarvelo).
Vorrei un taccuino da portare in viaggio, per appuntare quello che vedo e come mi fa sentire (e condividere anche questo con voi!).
Niente di speciale. Dei piccoli taccuini leggeri, meglio a quadretti perchè lì la scrittura riesco a disciplinarla meglio. E i pensieri ogni tanto hanno bisogno di ordine.

Published by

Mariangela Traficante

Benvenuti! Se volete diventare turisti letterari e vi piacciono anche i libri di viaggio, eccomi qui. Sono Mariangela, giornalista e blogger, e abbiamo una passione in comune: viaggiare con un libro in mano, ma non solo! Vi racconto di luoghi di libri e di scrittori. Provo a consigliarvi cosa leggere prima di partire, e a lasciarvi ispirare da un libro di viaggio, da un racconto e, perché no, anche a scrivere il vostro!

Grazie per aver letto questo articolo! Se vorrai lasciarmi un tuo commento ne sarò felice!