Quando un pomeriggio ti fai un giro su Bookrepublic…

Miami

Galeotte le vacanze di Natale. Che quest’anno, oltre alla consueta girandola di pranzi, dolci, parenti e amici, mi hanno fatto scoprire quella che potrebbe diventare una nuova dipendenza. E’ bastato un pomeriggio di relax, un tablet e la voglia di viaggiare, quanto meno con la fantasia. Ho scoperto la sezione Turismo di BookRepublic, e non potevo non condividere questa (per me) novità, perché se anche voi amate leggere di viaggi e reportage non potrete che apprezzare.

Lo dico subito, a costo di sembrare antiquata: appartengo a quei nostalgici che al profumo dei libri di carta ed alla sensazione delle pagine tra le dita non rinuncia. Per me leggere significa soprattutto leggere così, ed ho fatto molta resistenza prima di provare i miei primi ebook. Però devo dire che la libreria online di BookRepublic mi ha fatto subito simpatia, innanzitutto per la mole: oltre 1.200 (1254 per la precisione al momento in cui vi scrivo) sono i libri di turismo contenuti.

Ed eccolo uno degli elementi che mi son piaciuti: la varietà. Di proposte, ma anche di editori, non solo i big (del settore e dell’editoria in generale) ma anche tante e originali piccole e piccolissime case editrici, quelle che difficilmente fanno mostra di sé nei grandi store e che in libreria vai a scovare con pazienza, e curiosità. Qui, le trovi una in fila all’altra. Alcuni evidentemente in solo formato elettronico. E per chi pubblica anche su carta? Sia ben inteso, non voglio promuovere le librerie elettroniche a  scapito di quelle reali (anzi), ognuno poi scelga come comprare (con un occhio di riguardo alle librerie indipendenti e storiche che non se la stanno passando benissimo..).

Ma intanto qui ci si trova di fronte ad un database molto variegato, che spazia dal tormentone delle 101 cose della Newton Compton a editori come La Pecora Nera, Ac Edizioni, Caravan Edizioni, Absolutely Free, Il Frangente. Ci sono libri di viaggio che arrivano anche dal self-publishing (Il mio libro e Youcanprint, due esempi).

DiariodelPollino SpigoliberlinoHo citato i big e naturalmente mi riferivo  anche a loro, Lonely Planet. Di cui si possono acquistare anche i singoli capitoli, in formato pdf. Che poi sono quelli disponibili sia sul sito italiano della casa editrice che ovviamente su quello della casa madre. Dove (piccola segnalazione) al momento a conti fatti conviene. Ora i singoli chapter sul sito internazionale sono infatti scontati a 3,46 dollari (da 4,95) in media, contro i 3,90 nostrani.

Siete curiosi di sapere se e cosa ho comprato? Alla fine, con prova di grande autodisciplina, mi sono contenuta su cinque titoli (per ora). Eccoli qua:

Berlino non ha muri (Laurana Editore, una delle dodici guide del Grand Tour de Force di Michele Monina); Spigoli. Guida per ritrovare la tua strada di casa a New York (Caravan Edizioni, un blog di viaggio di un italo-americano);  Amsterdam è un’isola (ancora una guida di Laurana Editore); Diario del Pollino (Apt Basilicata, il Parco vissuto e raccontato da Gianni Biondillo); Il Viaggiatore (la raccolta dei racconti di viaggio di Sandro Viola, la Repubblica).

E prossimamente arriveranno anche le recensioni (intanto se li avete letti attendo le vostre!)

Published by

Mariangela Traficante

Benvenuti! Se volete diventare turisti letterari e vi piacciono anche i libri di viaggio, eccomi qui. Sono Mariangela, giornalista e blogger, e abbiamo una passione in comune: viaggiare con un libro in mano, ma non solo! Vi racconto di luoghi di libri e di scrittori. Provo a consigliarvi cosa leggere prima di partire, e a lasciarvi ispirare da un libro di viaggio, da un racconto e, perché no, anche a scrivere il vostro!

Grazie per aver letto questo articolo! Se vorrai lasciarmi un tuo commento ne sarò felice!