Il racconto del mondo: a Roma torna il Festival della Letteratura di Viaggio

festival letterari in ItaliaVi ricordate la carrellata dei festival letterari di settembre in giro per l’Italia di cui vi ho parlato la settimana scorsa? Bene, ne devo aggiungere uno, che credo vi piacerà. E’ il Festival della Letteratura di viaggio, che di solito si svolge a Roma a fine settembre. Ma che quest’anno anticipa di un paio di settimane e si terrà tra pochi giorni, dall’11 al 13 settembre, sempre a Roma. Per la precisione, a Villa Celimontana, Palazzetto Mattei, in via della Navicella, ma anche in altri luoghi della città. Il programma ufficiale ancora non c’è, sarà pubblicato nei prossimi giorni sul sito dell’evento. Ma come al solito sarà dedicato al racconto del mondo, attraverso diverse forme di narrazione del viaggio: la letteratura, la fotografia, la musica, il disegno. Ci saranno anche laboratori, visite guidate, letture e passeggiate letterarie. In totale sono previsti una trentina di eventi. Volete seguire gli aggiornamenti? Ci sono i canali social di Facebook e Twitter.

Il viaggio è fatto di parole, immagini, suoni: scopriteli a Roma al Festival della Letteratura di Viaggio

Festival della Letteratura di Viaggio Roma

Ci siamo: oggi a Roma inizia una settimana importante per chi ama viaggiare. Torna infatti il Festival della Letteratura di viaggio, che avrà il suo clou dal 25 al 28 settembre prossimi a Palazzetto Mattei in via della Navicella 12, ma in realtà mai come quest’anno si apre alla città e si sfaccetta in tante declinazioni.

Perchè un viaggio è una scoperta e non può essere fatto solo di parole. Per cui la letteratura di viaggio diventa qui anche immagini, suoni, movimento ovviamente.
E quindi sono oltre 40 gli eventi in programma, incontri ma anche mostre, premi, laboratori, visite guidate, persino spettacoli teatrali.
Nato a Roma nel 2008 e promosso dalla Società Geografica Italiana, il Festival della Letteratura di
Viaggio giunge quest’anno alla sua settima edizione.
Ora è in corso il PreFestival, fino al 24 settembre, poi sarà la volta del Festival vero e proprio, dal 25 al 28 settembre, tra il Museo Preistorico Etnografico Luigi Pigorini, il Museo di Roma Palazzo Braschi e Palazzetto Mattei con i giardini di Villa Celimontana, sede della Società Geografica Italiana. Ma parallelo a tutto ciò c’è un circuito di eventi collaterali che si snoderà fino al 16 novembre.

Continue reading “Il viaggio è fatto di parole, immagini, suoni: scopriteli a Roma al Festival della Letteratura di Viaggio”

Viaggiamo consapevoli: buona Giornata Mondiale del Turismo (e non solo)!

Giornata mondiale del turismoStavolta vado un po’ off topic, ma solo un po’. Non parlerò di libri, infatti, ma di viaggi sì. Perchè tra poche ore si celebra in tutto il mondo un’occasione importante per chi ama viaggiare, conoscere, e naturalmente per chi di queste cose ci vive. Tra poche ore, il 27 settembre, si celebra il World Tourism Day, la Giornata mondiale del turismo, e dunque non potevo non unirmi ai festeggiamenti con questo blog.

Anche perchè l’Unwto, l’Organizzazione mondiale del turismo che la promuove, sceglie ogni anno un tema importante che sensibilizzi ad un turismo “sano”, sostenibile, consapevole. E quello di quest’anno è cruciale: “Turismo e acqua: proteggere il nostro futuro comune”. Ecco dunque la dedica del Wtd 2013: l’acqua contro ogni spreco. Sono le Maldive il Paese ospite delle celebrazioni di quest’anno, con uno speciale messaggio del segretario generale delle Nazioni Unite, Ban Ki-Moon, che ha voluto sottolineare “la responsabilità dell’industria del turismo nella salvaguardia e nella gestione intelligente dell’acqua. Esorto le strutture turistiche a tagliare il consumo dell’acqua e migliorare la gestione dei rifiuti e faccio appello alle persone individuali affinchè giochino la loro parte facendo scelte consapevoli quando viaggiano“. Possiamo partecipare tutti alle celebrazioni, seguendo per esempio su Twitter l’hashtag #WTD13.

Andiamo incontro alla cultura

Ma la Giornata Mondiale del Turismo è in realtà un fulcro intorno al quale tra oggi e domenica ci sarà un fiorire di iniziative legate al turismo, soprattutto a quello culturale! Infatti, in Europa si celebrano le Giornate Europee del Patrimonio 2013 e da noi in Italia il giorno clou sarà sabato 28 settembre: per l’occasione i luoghi di cultura statali saranno aperti e visitabili gratuitamente, ed alcuni anche più a lungo del solito, come quelli che partecipano a “Una notte al museo”. Li potete trovare tutti sul sito del ministero dei beni culturali e del turismo.
E quale occasione migliore per organizzare la vostra gioiosa “invasione digitale”? Ossia: la condivisione in tempo reale o quasi di luoghi, musei, eventi, per accendere i riflettori sul nostro immenso e sfaccettato (e troppo spesso bistrattato) patrimonio culturale, il tutto armati di smartphone e simili. Ve ne avevo già parlato in occasione della prima edizione di aprile, e ora si replica: la sfida è condividere, fotografare, fare conoscere musei, gallerie, eventi, concerti, e lo si può fare in tanti modi, segnalandolo, fotografandosi con un cartello in mano, twittando (perchè ovviamente non possono mancare gli hashtag d’ordinanza, #ilmiopatrimonio e #giornatedelpatrimonio). E io vi consiglio di fare un giro sul sito delle Invasioni Digitali, anche solo per il colpo d’occhio della home page trasformata in un originale puzzle social.

Ps: e poi, naturalmente, per chi ama i libri e i viaggi vi ricordo che a Roma è in corso il Festival della Letteratura di viaggio.. Cosa sceglierete quindi questo weekend?

Settembre, si ricomincia. Con un quaderno pieno di appunti

libri letti in vacanza

Ci siamo. Chiamatelo primo giorno di scuola, chiamatelo il “vero” Capodanno, ma il fatto è quello: siamo a settembre e si ricomincia! Con – si spera – una buona dose di energia in più e gli immancabili buoni propositi dell’autunno.
Le vacanze sono finite ma sono tanti i bei ricordi, le esperienze e le nuove cose che mi porto dentro e che spero mi accompagneranno a lungo. Tante sono legate alla lettura, ai viaggi ed a questo blog. Torno dal mare con un quaderno pieno di appunti e spunti su cose da scrivere e viaggi di carta da condividere, e poi ci sono i consigli presi qua e là tra amici, giornali e Twitter sui libri da leggere a settembre e se è vero che la sindrome da primo giorno di scuola accompagna anche i nostri settembre “da grandi” la curiosità di varcare di nuovo la soglia di una libreria o di una biblioteca può ben rimpiazzare quella con cui un tempo accarezzavamo quaderni e penne nuovi di cartoleria.

Gli incontri e la radio

Ma estate 2013 sono state, per me, anche le tante ore finalmente dedicate alla lettura (due libri letti su tre di quelli che annunciavo qui è il mio personale risultato agostano, posso considerarmi promossa??), senza doversi preoccupare degli equilibrismi da lettore in metrò dell’ora di punta, con qualche granello di sabbia tra le pagine a ricordarmi il mare tanto quanto le fotografie scattate. E poi ci sono stati gli incontri, quello con Filippo Nicosia nel suo viaggio in Sicilia di Pianissimo Libri sulla strada, e le belle sorprese, come l’onore di parlare di Che libro mi porto e del piacere di leggere e viaggiare sulla mia radio preferita, Radio Capital!

Appuntamento a Mantova

Festival della Letteratura di MantovaTante cose belle per ripartire con ancora più entusiasmo, e non c’è tempo da perdere perché, per addolcire il rientro dalle vacanze, settembre ha già in serbo un paio di appuntamenti importanti! Innanzitutto, il Festival della Letteratura di Mantova, che parte tra pochissimo: Festivaletteratura si apre infatti questo mercoledì, 4 settembre, e fino a domenica 8 riporterà per le strade, le piazze ed i palazzi della splendida città dei Gonzaga lettori e autori, in un numero come sempre molto ampio di eventi, la gran parte a pagamento (siamo sui 5 euro, da segnalare che i più succosi sono andati a ruba e già sold out, almeno al momento) ma molti anche gratuiti perché, ci tiene a ribadire, l’organizzazione, in tempi di crisi dell’editoria e della società in generale si vuole un festival che sia attento ai costi.

Libri e viaggi: gli eventi da non perdere

Tanti gli spunti anche per parlare di letteratura di viaggio e reportage, anche sottoforma di graphic novel, e con ospiti come Paolo Rumiz in ben due eventi che, ahimè, perderò entrambi perché potrò andare al Festival solo sabato… Cos’altro segnalare? Difficile districarsi ma tre  “pillole” voglio scriverle. Una è lo special guest di peso, Roberto Saviano, che mercoledì aprirà gli eventi del Festival della Letteratura di Mantova con uno dal titolo per me bellissimo: “Tutto è perduto tranne la parola” (ore 17.00, Piazza Castello). L’altra è un gioiellino, la presentazione dei diari di Virginia Woolf (sabato alle 10.00, archivio di Stato di Mantova). E poi ci sono quattro incontri che promettono benissimo, dedicati alla letteratura latinoamericana, che rimarrà comunque protagonista tutti i giorni del festival sotto la Tenda dei Libri.

E’ Festival anche a Roma

Festival della Letteratura di viaggioPiù piccolo e di nicchia è invece l’altro evento di settembre, il Festival della Letteratura di Viaggio, che va in scena a Roma dal 26 al 29 del mese. Palazzetto Mattei e Giardini di Villa Celimontana e Palazzo delle Esposizioni, ecco i luoghi che ospiteranno letteratura di viaggio ma anche giornalismo, musica, fumetti. Si sta ancora lavorando al programma, intanto però sappiate che gli incontri saranno condotti da Giovanna Zucconi e tra gli ospiti – viaggiatori a vario titolo – ci sono Paolo Rumiz (quindi doppia occasione in un mese per incontrare il grande giornalista e viaggiatore), Ferdinando Scianna, Beppe Severgnini, Michele Serra, Federico Rampini, Sandro Veronesi, Folco Quilici, Patrizio Roversi, Giuseppe Cederna, Gianni Biondillo.

Testatina Lett ViaggioPaesi ospiti d’onore di questa edizione sono gli Stati Uniti e il Brasile. Al Palazzo delle Esposizioni si inaugura il 26 settembre la mostra “Go West! La frontiera, il viaggio, l’immaginario” con le rare immagini d’epoca di Timothy O’Sullivan sulla spedizione di George M. Wheeler del 1871-1874. Nella suggestiva location dell’Ambasciata del Brasile a Piazza Navona si inaugura invece – in un’anteprima speciale il 25 settembre – la mostra “Brasile, antiche e nuove esplorazioni”.

Evento multiforme e anche di formazione, ci sarà infatti un laboratorio di scrittura e fotografia ed un format per i blogger di viaggio.
Bello vero? Immaginate ora il mio rammarico: non riuscirò a partecipare al Festival della Letteratura di Viaggio neanche quest’anno a causa di impegni di lavoro. Ma ci saranno i social a permettermi di seguirlo almeno a distanza, e poi ci sarete voi: se sarete a Roma e dintorni ed avrete la fortuna di partecipare all’evento, che ne dite di raccontarmelo qui sul blog?

Un carnet de voyage per le prossime vacanze, ma ecologico, garantisce Comieco

taccuino eco di viaggio ComiecoChe bella sorpresa oggi rientrando a casa. Nella cassetta della posta c’era il taccuino che vedete qui in foto, si chiama “Eco di viaggio” ed è un taccuino speciale perchè all’idea romantica di rilanciare i gloriosi carnet de voyage unisce un intento educativo (ed un concorso, che non fa mai male). Lo avevo infatti richiesto online a Comieco, (il Consorzio Nazionale recupero e riciclo degli imballaggi a base cellulosica), e lo potete fare anche voi sul suo sito. Vi arriverà a casa (nel mio caso ci ha messo circa una settimana) questo quadernetto dalla copertina rigida realizzato in carta riciclata e al 100% riciclabile.
Un quadernetto che sfida l’immediatezza e il bruciarsi veloce dei social (è lì, ormai, che raccontiamo le nostre vacanze) e al posto della condivisione ci propone l’annotazione: pensieri, spunti, schizzi, tutto quello che ci serve a mettere il viaggio nero su bianco.

L'introduzione di Giuseppe Cederna
L’introduzione di Giuseppe Cederna

“E’ il mio taccuino. La mia riserva di storie in attesa di risvegliarsi e riportarmi dall’altra parte del mondo, in un altro quartiere della mia città, in un altro tempo della mia vita… Ti basta aprirlo e lui parla: odori fulminanti, sapori dimenticati, foglie secche, pallidi fiori trasparenti come ostie, vecchie ricevute, biglietti da visita, notti sotto le stelle e attese. Le attese soprattutto”

E’ Giuseppe Cederna – attore, scrittore e soprattutto grande viaggiatore – che così descrive il suo personale e profondo rapporto con i taccuini nell’introduzione a Eco di Viaggio. E anche le pagine successive ospitano brevi citazioni di scrittori e viaggiatori, da Bruce Chatwin al nostro Paolo Rumiz, e poi Robert Louis Stevenson, Luis Sepulveda, Tiziano Terzani, Herman Hesse e altri.

Giusto per dare un indirizzo al moderno voyageur il taccuino è suddiviso in sezioni, che noi dedicheremo di volta in volta a persone, luoghi, sapori, idee. E, in fondo, pagine dedicate all’ambiente, con spazi bianchi da riempire con idee curiose sull’ecologia, perchè no, annotando le buone pratiche che – si spera – avvisteremo intorno a noi in vacanza.
Tutto qui? Non solo. Poichè serviva evidentemente ingolosire anche con qualcosa di più, c’è anche un concorso estivo che mette insieme il taccuino e le foto che scatteremo. Se vi interessa, il sito di Comieco spiega tutto. Però stavolta per vincere dovremo sfoderare le nostre migliori capacità social (in breve, vince la foto con più like), non basterà lo spirito retrò.

Letteratura di viaggio, il mio Festival in otto tweet

Tre giorni in otto tweet. Non è un quiz ma quello che ho deciso di fare ora che si conclude il Festival della Letteratura di Viaggio. Da Roma è partita una fittissima cronaca fatta di tweet ed è così che ho potuto seguire l’evento a distanza, leggendo di grandi reporter e di blogger, di romanzieri e di fotografi, imparando neologismi e scoprendo che oggi la letteratura di viaggio è (che bello) anche materia universitaria!

Tutto via tweet. Così ne ho raccolti d’istinto una manciata, quelli che mi hanno colpito di più o che di più hanno colto nel segno del mio modo di vedere i viaggi, e i libri ovviamente. In ordine rigorosamente sparso. Cominciamo.

Adriatico arcipelago fatto di isole che si guardano – Bianca Maria Bruno (linguista e direttore Lettera Internazionale)”: perchè essendo nata e cresciuta su questo lato dell’Adriatico mi ha sempre affascinato ed attratto scoprire cosa ci fosse “di là”, e così ho scoperto il Centro interuniversitario internazionale di studi sul viaggio adratico (Cisv), ed un progetto originalissimo di itinerari cultural-turistici a cavallo delle due sponde, tra Magna Grecia e Montenegro, tra Albania e Capo di Leuca, sulle tracce della storia.

Continue reading “Letteratura di viaggio, il mio Festival in otto tweet”

Festival della Letteratura di Viaggio: ecco cosa non mi perderei se fossi a Roma

Ci siamo. Domani a Roma inizia il Festival della Letteratura di Viaggio ed io non potrò andarci, “blindata” tra Milano e Bergamo per lavoro. Mi toccherà seguirlo virtualmente, su Facebook ma soprattutto – spero – grazie alla twitter-cronaca (sono già pronta). E naturalmente grazie a chiunque di voi ci farà un salto ed avrà voglia di raccontarmelo!

Certo, essere lì sarebbe tutta un’altra cosa, e forse non mi ha fatto bene sbirciare il programma perchè non ha fatto altro che destare in me ancora più curiosità.

Perciò ho deciso di raccogliere qui gli eventi che, se fossi al Festival a Roma, cercherei di non perdermi assolutamente.

Domani sera (alle 18) al Palazzo delle Esposizioni si inaugura una mostra fotografica molto interessante.”Obiettivo Afghanistan, la terra oltre la guerra”. Titolo azzecatissimo perchè l’intento è proprio quello di raccontare con le immagini un Paese che noi oggi purtroppo conosciamo solo come teatro di guerra, di distruzioni, di corruzione e di morte, senza fermarci un attimo a pensare che, invece, questa gente e questa terra cercano di custodire cultura, tradizioni, storie spazzate via dalle ripetute ondate di violenza.

Ma domani alle 19.30 si tiene anche la prima edizione del premio intitolato a Ryszard Kapuściński, al grande reporter e scrittore..  Qualche dettaglio in più? Non mi sarebbe dispiaciuto leggerne sul sito…

Venerdì 28 settembre parteciperei molto volentieri al Laboratorio di scrittura e fotografia in viaggio (a Palazzetto Maffei). E neanche sabato 30 avrei dubbi, il mio evento del giorno sarebbe questo: All’incrocio di due sponde (alle 12.30 in Villa Celimontana). Le due sponde di cui si parla sono quelle dell’Adriatico, e come potrei non sentirle visto che dalla mia Puglia l’Albania è così vicina che nelle giornate più limpide si vedono i suoi monti svettare dal mare? Per non parlare delle stazioni radio greche che si insinuano tra quelle locali quando in macchina si scivola giù, lungo l’estremità del Tacco d’Italia…

E domenica? “In web we travel”: se volevano scegliere un titolo che fosse il più accattivante possibile, ci sono riusciti appieno. Nei Giardini di Villa Celimontana si parlerà – ovviamente –  di come raccontare il viaggio ai tempi di Internet.

Se siete curiosi, ecco tutto il programma sul sito ufficiale!

Anche la Letteratura di Viaggio ha il suo Festival

Save the date! Ecco un evento che se fossi a Roma credo non mi perderei per nulla al mondo: il Festival della Letteratura di Viaggio. Qualcuno di voi ci è mai stato?

Ormai manca meno di un mese all’edizione 2012. Intanto segnamoci le date, dal 27 al 30 settembre: quattro giorni che saranno dedicati al racconto del viaggio nel senso più ampio del termine, con le parole, la musica, il cinema, le immagini.

Ed a proposito di immagini, se vi piace scrivere e fotografare non lasciatevi scappare questa occasione: negli stessi giorni del festival c’è la possibilità di seguire un laboratorio di scrittura e fotografia di viaggio, due incontri totalmente gratuiti, ma per aggiudicarseli occorre superare una selezione. Trovate tutto sul sito del Festival, c’è tempo fino al 20 settembre. E poi? Non ci resta che aspettare il programma dettagliato. Io lo seguirò – purtroppo- da lontano, se invece qualcuno di voi ci farà un salto, attenderò con ansia le vostre impressioni!