Ti è piaciuto il libro? Dillo con una foto

Libreria

Ditelo con una foto. Per chi volesse cimentarsi in un esercizio di abilità non c’è niente di più conciso di una parola, o di un’immagine, e per comunicare un libro la Rete a quanto pare ha scelto la seconda.

Stanchi di troppe parole o solo alla ricerca di chiavi di lettura più originali? Il fatto è che, curiosamente, nel giro di pochi giorni mi sono imbattuta in almeno tre iniziative a colpi di “faccia-libro” (ma Zuckenberg non c’entra niente), e poco propensa a considerarla solo una coincidenza ho deciso di parlarne qui, sconfinando dall’universo dei libri di viaggio, ma mi sembravano iniziative troppo interessanti per non scriverne.

Partiamo da #Feltrigram ( l’hashtag iniziale è necessario, come ora capirete): altro non è se non l’evoluzione del “concorso” 128 battute di LaFelrinelli.it che invitava i lettori a misurarsi con micro-racconti o recensioni a misura di tweet.

Feltrigram

Quest’anno invece si cambia, e si sintetizza ancora di più: l’invito è infatti a realizzare una foto che interpreti, come più vi piace, un libro a vostra scelta, e poi condividerla su Twitter ed Instagram attraverso la parola chiave di cui sopra.

Sul social network fotografico ce ne sono oltre 300, ironiche, artistiche, alcune metafisiche direi, in un bel patchwork di creatività e filtri. C’è tempo fino al 28 febbraio (qui come fare): 128 di queste foto diventeranno un ebook da scaricare gratuitamente sul sito di LaFeltrinelli.it.

Consigliato dalla Nottola

Libri in posa anche in un’altra iniziativa che mi ha fatto pensare che più che originali casualità qui si stia lanciando un trend: è il Nottola Christmas Gift e ne parla Chicca Gagliardo nel suo blog.

Un’antologia corale di dieci racconti più un’illustrazione: l’idea ha preso forma nella mente di Ivano Porpora, autore del romanzo La conservazione metodica del dolore (Einaudi Stile Libero) e gestore del blog culturale La Nottola di Minerva,  e poi si è trasformata in quello che non è solo un omaggio ai lettori, ma anche alle librerie, alle biblioteche, ai luoghi dove si fa lettura insomma. Per ricevere l’antologia in regalo, infatti, in uno dei tre formati a scelta (pdf, epub, mobi), occorre mettersi in gioco in prima persona inviando una propria foto insieme  al proprio libro preferito, a quello preso in prestito da una biblioteca, a quello appena acquistato in libreria (con tanto di scontrino).

Nottola Christman Gift

Oppure, se siete a corto di idee. C’è persino una lista di 12 titoli suggeriti dalla Nottola, sul cui blog potrete leggere anche il “regolamento” nel dettaglio, nonchè i nomi degli autori che hanno scritto per l’antologia ( e il titolo del loro racconto).

Tutto in una faccia

Ma ancor più geniale è l’idea che sta dietro a Recensioni Facciali, il titolo semplice semplice di un blog molto originale che ha deciso di spazzare via le parole (e spesso i paroloni, con buona pace dei critici letterari blasonati) e di affidare alla sola (o quasi) mimica facciale il nostro implacabile giudizio. Questo infatti il senso: recensire tramite un unico scatto fotografico ed un’unica espressione facciale il senso del libro che abbiamo appena letto (il che non vuol dire necessariamente che debba essere un’espressione di apprezzamento. Fatevi un giro nel sito e capirete). Divertente vero l’idea di Jacopo Arca e Ramona Cocco?

Recensioni facciali blog

Potete curiosarci in lungo e in largo cliccando a caso sulle recensioni, rigorosamente numerate, ma anche classificate in base alla popolarità. Oppure seguire il metodo scientifico della lista dei libri in ordine alfabetico di autore.

Se siete scrittori, c’è anche lo spazio apposta per voi: Facce d’autore. Prendetelo come uno strumento di marketing, solo molto più insolito del normale, irresistibile però.