Viaggiamo consapevoli: buona Giornata Mondiale del Turismo (e non solo)!

Giornata mondiale del turismoStavolta vado un po’ off topic, ma solo un po’. Non parlerò di libri, infatti, ma di viaggi sì. Perchè tra poche ore si celebra in tutto il mondo un’occasione importante per chi ama viaggiare, conoscere, e naturalmente per chi di queste cose ci vive. Tra poche ore, il 27 settembre, si celebra il World Tourism Day, la Giornata mondiale del turismo, e dunque non potevo non unirmi ai festeggiamenti con questo blog.

Anche perchè l’Unwto, l’Organizzazione mondiale del turismo che la promuove, sceglie ogni anno un tema importante che sensibilizzi ad un turismo “sano”, sostenibile, consapevole. E quello di quest’anno è cruciale: “Turismo e acqua: proteggere il nostro futuro comune”. Ecco dunque la dedica del Wtd 2013: l’acqua contro ogni spreco. Sono le Maldive il Paese ospite delle celebrazioni di quest’anno, con uno speciale messaggio del segretario generale delle Nazioni Unite, Ban Ki-Moon, che ha voluto sottolineare “la responsabilità dell’industria del turismo nella salvaguardia e nella gestione intelligente dell’acqua. Esorto le strutture turistiche a tagliare il consumo dell’acqua e migliorare la gestione dei rifiuti e faccio appello alle persone individuali affinchè giochino la loro parte facendo scelte consapevoli quando viaggiano“. Possiamo partecipare tutti alle celebrazioni, seguendo per esempio su Twitter l’hashtag #WTD13.

Andiamo incontro alla cultura

Ma la Giornata Mondiale del Turismo è in realtà un fulcro intorno al quale tra oggi e domenica ci sarà un fiorire di iniziative legate al turismo, soprattutto a quello culturale! Infatti, in Europa si celebrano le Giornate Europee del Patrimonio 2013 e da noi in Italia il giorno clou sarà sabato 28 settembre: per l’occasione i luoghi di cultura statali saranno aperti e visitabili gratuitamente, ed alcuni anche più a lungo del solito, come quelli che partecipano a “Una notte al museo”. Li potete trovare tutti sul sito del ministero dei beni culturali e del turismo.
E quale occasione migliore per organizzare la vostra gioiosa “invasione digitale”? Ossia: la condivisione in tempo reale o quasi di luoghi, musei, eventi, per accendere i riflettori sul nostro immenso e sfaccettato (e troppo spesso bistrattato) patrimonio culturale, il tutto armati di smartphone e simili. Ve ne avevo già parlato in occasione della prima edizione di aprile, e ora si replica: la sfida è condividere, fotografare, fare conoscere musei, gallerie, eventi, concerti, e lo si può fare in tanti modi, segnalandolo, fotografandosi con un cartello in mano, twittando (perchè ovviamente non possono mancare gli hashtag d’ordinanza, #ilmiopatrimonio e #giornatedelpatrimonio). E io vi consiglio di fare un giro sul sito delle Invasioni Digitali, anche solo per il colpo d’occhio della home page trasformata in un originale puzzle social.

Ps: e poi, naturalmente, per chi ama i libri e i viaggi vi ricordo che a Roma è in corso il Festival della Letteratura di viaggio.. Cosa sceglierete quindi questo weekend?