La vita moderna: se amate gli impressionisti, questa è la loro Parigi

La colazione dei canottieri Renoir quadro

“Per me un quadro dovrebbe essere piacevole, allegro e bello, sì bello! Ci sono già troppe cose sgradevoli nella vita per crearne di nuove”, Pierre-Auguste Renoir

Benvenuti a Parigi, benvenuti nella Belle Epoque. Oggi vi porto lì, facendovi fare un viaggio in una città che adoro ma anche indietro nel tempo. In compagnia, ovviamente, di un libro. Si chiama La vita moderna, lo ha pubblicato nel 2007 Neri Pozza e lo ha scritto Susan Vreeland, l’autrice di La passione di Artemisia. E io l’ho adorato. Ricordate la Marion Cotillard di Midnight in Paris (Il film di Woody Allen) che, non contenta di vivere nella Parigi degli anni Venti tra Picasso e Fitzgerald sogna ardentemente la Parigi della Belle Epoque?

Ebbene, sono io. Datemi la Parigi di fine Ottocento e mi farete felice. Quindi quando ho scoperto questo libro l’ho letto tutto d’un fiato. Anzi no, in realtà ho cercato di centellinarlo: avete presente quando vi affezionate tanto ad una storia ed ai suoi personaggi da non volervene separare? Ecco, non volevo abbandonare troppo presto la stagione in fondo effimera tratteggiata in queste pagine.
Anche qui il protagonista è un pittore, Pierre-Auguste Renoir. Vreeland ci racconta in un momento specifico della sua vita: siamo nel 1880, lui è reduce dal successo del Bal ou Moulin de la Galette, ma anche dalla fine di una delle relazioni con le sue donne e soprattutto roso dai dubbi e dai conflitti artistici, tra forma e colore, tra scuola classica e credo impressionista, tra il Salon, il grande allestimento artistico che vuol dire tradizione ma anche fama, e l’altro salone, quello di Degas, Sisley, Pissarro.
Come se non bastasse, arriva la recensione negativa di un “certoEmile Zola, che del movimento dice: “L’uomo di genio non è ancora comparso tra loro”. Il guanto di sfida è lanciato, Renoir smentirà lo scrittore con la creazione di un grande dipinto, un affresco corale di un’estate, La colazione dei canottieri.

L'assenzio quadro di Degas
L’absinthe o Dans un café

Ed ecco, questo è quello che racconta La Vita moderna: il pittore raduna a sè gli amici e insieme, per otto settimane, animeranno la terrazza del celebre ristorante La Maison Fournaise, sull’isolotto di Chatou, meta domenicale di parigini, picnic, ragazze allegre, gare di canottaggio e artisti squattrinati. La Vie moderne appunto, la joie de vivre della Parigi Belle Epoque che Pierre-Auguste vuole trasferire sulla tela, e renderla eterna.
E così Parigi sfila pagina dopo pagina, dalle sponde campagnole della Senna ad una manciata di isolati in una zona ben precisa della Ville Lumiere, sulla rive droite, stretta tra i grandi boulevard e una collina che ormai è legata all’idea degli artisti quasi come un clichè, Montmartre, ovviamente.
La Parigi che ritroverete nel libro è fatta di artisti e sartine, modelle e bottegai, ricchi borghesi e mecenati, una certa gioventù privilegiata e squattrinata. E di luoghi ben precisi. Tanto che ho deciso: la prossima volta che ci andrò cercherò di ripercorrerli. Se lo volete fare con me, ho tentato un esperimento: ecco per voi la mappa di Parigi che ripercorre i luoghi di Renoir così come li racconta Susan Vreeland in La vita moderna. Bon voyage!

Vi potrebbe interessare anche questo:

A Parigi sì, ma quella della Belle Epoque

Che Libro mi porto è anche su Facebook

Published by

Mariangela Traficante

Benvenuti! Se volete diventare turisti letterari e vi piacciono anche i libri di viaggio, eccomi qui. Sono Mariangela, giornalista e blogger, e abbiamo una passione in comune: viaggiare con un libro in mano, ma non solo! Vi racconto di luoghi di libri e di scrittori. Provo a consigliarvi cosa leggere prima di partire, e a lasciarvi ispirare da un libro di viaggio, da un racconto e, perché no, anche a scrivere il vostro!

6 thoughts on “La vita moderna: se amate gli impressionisti, questa è la loro Parigi

  1. Ciao! Tornata ieri da Parigi, ho voluto finire il libro mentre ero lì. Non hai idea dell’emozione che ho provato quando mi sono ritrovata davanti al ritratto di Alphonsine e di Aline (al D’Orsay), per non parlare di quando ho visitato l’appartamento descritto nel libro in Rue Cortot 12, e ci ho trovato anche l’altalena de La Balancoire!!! Ho avuto i brividi per un intero week end. Sono stata tante volte a Parigi ma non l’avevo mai vista con questi occhi, e ti ringrazio per avermi dato l’opportunità di scoprire un mondo! L’idea è di tornarci al più presto per completare il giro :)

    1. Ciao Chiara bentornata e .. grazie a te per le belle parole!! Mi hai fatto venire una voglia di tornare a Parigi (come se già non ce l’avessi poi…), io ero già stata al D’Orsay ma prima di scoprire La Vita Moderna, e non vedo l’ora di visitarlo di nuovo..

Grazie per aver letto questo articolo! Se vorrai lasciarmi un tuo commento ne sarò felice!