#PorteOuverte a Bruxelles: e torna il lato umano della Rete in una città ferita

attentati BruxellesParliamo di ‪Bruxelles‬. Sono stata a lungo indecisa se scriverne e cosa. Perché l’urgenza dei fatti ieri imponeva di più lo sgomento e la cronaca.

Perché abbiamo un volo prenotato proprio per la capitale belga tra un mese e per la prima volta, dopo questi attentati a Bruxelles, non so se partire o no, e ti accorgi che tutto quello che hai sempre scritto e detto, tra gli amici e per lavoro, e cioe’ che non bisogna permettersi di farsi fermare, quando ti bussa alla porta cambia tutta la prospettiva. Perché il pensiero oscilla tra il desiderio di non cedere alle paure e il timore di andare a disturbare l’equilibrio precario di una città ferita. E poi perché in questi casi sembra che tutti si sentano chiamati a dire la loro e io non volevo farlo cosi’, solo per “convenzione“.
Stamattina però ho trovato ciò che avrei scritto di Bruxelles: la collaborazione, la speranza e la solidarietà, quella che già avevamo visto a Parigi e che torna, con gli abitanti di Bruxelles che aprono le loro case e le loro auto per offrire ospitalità temporanea e un passaggio a chi è rimasto bloccato in giro per la città. Il bello della rete che da virtuale diventa umana.

#BrusselsLift è l’hashtag che chi era in giro in città ha lanciato per offrire un passaggio in auto ai viaggiatori rimasti a terra dopo le due bombe esplose all’aeroporto Zaventem di Bruxelles. E appunto come in occasione degli attentati di Parigi i belgi hanno aperto le porte di casa propria, lanciando gli hashtag #ikwillhelpen (voglio aiutare) e #PorteOuverte per offrire ospitalità temporanea e – forse – un po’ di tranquillità.

Published by

Mariangela Traficante

Benvenuti! Se volete diventare turisti letterari e vi piacciono anche i libri di viaggio, eccomi qui. Sono Mariangela, giornalista e blogger, e abbiamo una passione in comune: viaggiare con un libro in mano, ma non solo! Vi racconto di luoghi di libri e di scrittori. Provo a consigliarvi cosa leggere prima di partire, e a lasciarvi ispirare da un libro di viaggio, da un racconto e, perché no, anche a scrivere il vostro!

Grazie per aver letto questo articolo! Se vorrai lasciarmi un tuo commento ne sarò felice!