“L’Amerique en auto”: anche Georges Simenon scrisse il suo on the road

Simenon

Voglio sapere cosa mangiano a colazione, come arredano casa e quanto costa un pieno”.

 

Che Georges Simenon fosse uno scrittore più che prolifico è cosa nota. Quello che invece ignoravo è che vantasse al suo attivo anche un reportage di viaggio! Ebbene sì, eccola una delle mie più recenti scoperte. il papà del commissario Maigret e di molto altro, colui che identifichiamo con il Belgio natale (nacque a Liegi) e naturalmente con la Francia e Parigi (che cosa carina aver regalato qualche anno fa alla mia amica Silvia, spagnola di Barcellona trasferitasi nella Ville Lumiere e desiderosa di rispolverare l’Italiano, “Maigret e l’omicida di Rue Popincourt; lei abitava proprio in quella via parigina!), cambiò in vita sua ben trentatré residenze. Di queste, diverse in Nord America. E fu qui che si trasformò in viaggiatore per conto di France-Soir.

Come vivono gli americani? Quanto costa fare benzina? Cosa mangiano? Era questa la “missione” di Simenon, raccontare l’America e gli americani. E lo fece, partendo in macchina.
E’ un vero e proprio on the road quello che lo scrittore belga intraprese nel 1946 a bordo di una Chevrolet, dal nord al sud degli States percorrendo la mitica route nr.1, dal Maine alla Florida passando per campagne e città, attraversando il New Hampshire, Rhode Island, Connecticut, Massachussets, New York, New Jersey, Pennsylvania, Washington, Maryland, Carolina e Georgia.

E fotografando con la sua penna l’American way of life, le gomme da masticare e le villette con giardino “che sembrano giocattoli più che case vere”, diceva, gli hot-dog e le stazioni di rifornimento (“dietro la pompa ci sono sempre Coca Cola e gelati e dolciumi tutti con lo stesso sapore di dentifricio”).
Ne uscì anche un libro, nel 1966, che per ora si può leggere solo in lingua originale. E’ questa infatti la notizia. La casa editrice francese Le Livre de poche ha deciso di ripubblicarlo. Il titolo? “Des phoques aux cocotiers et aux serpents à sonnette. L’Amerique en auto”. Ovvero: foche, palme da cocco e serpenti a sonagli: era forse così, esotica, l’America come la vedeva lo scrittore del Vecchio Continente proiettato lungo le highway del Nuovo Mondo?

Che libro mi porto è anche su Facebook

Vuoi seguire il blog? Iscriviti dalla home page!

Published by

Mariangela Traficante

Benvenuti! Se volete diventare turisti letterari e vi piacciono anche i libri di viaggio, eccomi qui. Sono Mariangela, giornalista e blogger, e abbiamo una passione in comune: viaggiare con un libro in mano, ma non solo! Vi racconto di luoghi di libri e di scrittori. Provo a consigliarvi cosa leggere prima di partire, e a lasciarvi ispirare da un libro di viaggio, da un racconto e, perché no, anche a scrivere il vostro!

2 thoughts on ““L’Amerique en auto”: anche Georges Simenon scrisse il suo on the road

  1. Adoro Simenon e il suo modo di scrivere! Sapevo che aveva vissuto in America (c’è anche un libro in cui Maigret va negli Usa) ma ignoravo totalmente che avesse scritto un romanzo on the road…

    1. Io in realtà non sono proprio un’esperta di Simenon ahimè ma questo libro mi incuriosisce, peccato sia per ora solo in francese (lingua che mi manca all’appello…) speriamo in una traduzione almeno in inglese!

Grazie per aver letto questo articolo! Se vorrai lasciarmi un tuo commento ne sarò felice!