Quando i luoghi raccontano insieme ai libri: quattro eventi letterari in arrivo a Milano

festival letterari a MilanoSfogliare libri e sentir parlare di scrittura, lettura, arte, storie in luoghi che già di per sè hanno qualcosa da raccontare.

Ecco cosa mi piace, e tanto, degli eventi letterari e sono felice quando riesco a parteciparvi. Ascoltare uno scrittore scoprendo al tempo stesso la sala di un palazzo storico o un luogo della memoria. Per questo sono contenta quando eventi così si avvicinano e voglio condividere con voi quello che accadrà nelle prossime settimane a Milano. Perchè ho messo insieme quattro eventi letterari a Milano, diversi tra loro, che parlano di libri e lettura e diventano ottime occasioni per fare altrettante scoperte della storia milanese, quattro luoghi che, ciascuno a modo loro, raccontano la storia della città e mostrano il suo presente.

Una biblioteca del cuore, un “giardino segreto”, due simboli di archeologia industriale. Pronti a partire?

 

I primi sessantanni della Biblioteca Sormani

festival letterari a Milano
La Biblioteca Sormani a Milano, credits: comune.milano.it

La Biblioteca Sormani, luogo di studio, lettura, cultura, nel cuore di Milano, fu inaugurata il 10 marzo del 1956 nel palazzo storico di Corso di Porta Vittoria 6. E dunque si prepara a festeggiare i suoi primi sessant’anni lanciando un’iniziativa molto interessante e che sicuramente piacerà a tutti i milanesi, doc e d’adozione, che nella loro vita l’hanno eletta tra i propri luoghi del cuore della lettura di Milano.

La biblioteca infatti chiede a tutti di contribuire con un ricordo, un’immagine, una suggestione che sia intrecciata con lei. Una selezione di questi documenti verrà poi messa in mostra alla città proprio nel mese di marzo. Ma affrettatevi! Il termine ultimo per l’invio è il 30 gennaio. Questi i recapiti: C.Sormani60@comune.milano.it oppure, per posta, a: Direzione Biblioteca Comunale – Palazzo Sormani – Corso di Porta Vittoria, 6 – 20122 Milano.

festival letterari a MilanoCento giorni dedicati a Shaskespeare

L’appartamento di un appassionato, una collezione pazzesca, una raccolta di memorabilia libreschi. E’ difficile definire questo piccolo angolo milanese chiamato Kasa dei Libri. Io, quando l’ho visitato per la prima volta e ne ho scritto, l’ho definito un “giardino” segreto perchè è proprio quella l’impressione che ne avevo avuto. Solo, con al posto di fiori e alberi, libri, scritti, oggetti legati al mondo della lettura. E proprio in questo giardino segreto, ora, si sta festeggiando Shakespeare. Il prossimo 23 aprile, infatti, si celebreranno i 400 anni della morte di William Shakespeare e allora la Kasa dei Libri ha deciso di dedicargli esattamente 100 giorni, con una moltitudine di attività ispirate ai suoi capolavori e ai temi universali che portano con sè.

I festeggiamenti sono iniziati a metà gennaio e hanno visto sfilare, finora, Macbeth (o la malvagità) e Il Mercante di Venezia (o l’avidità), di scena fino al prossimo 3 febbraio.
E poi sarà la volta di Sogno di una notte di mezza estate o la leggerzza (4-13 febbraio), Romeo e Giulietta o l’amore (12-23 febbraio), Amleto o il dubbio (24 febbraio-4 marzo), Re Lear o la follia (5-14 marzo), Giulio Cesare o Le Idi di marzo (15-24 marzo), Riccardo III o la deformità (25 marzo-3 aprile), Otello o la gelosia (4-13 aprile), Le allegre comari di Windsor o l’ironia (14-23 aprile). Con mostre, incontri, teatro, performance ed anche laboratori per i bambini.
Se volete restare informati questa è la pagina Facebook della Kasa dei Libri.

 

eventi letterari a Milano

Il festival Writers

Tre giorni dedicati agli scrittori, per incontrarli, leggerli, osservarli “in mostra”. Domani a Milano torna infatti Writers, e il luogo che ospita la rassegna è sempre quello, i Frigoriferi Milanesi. Ovvero un altro pezzo di storia milanese.

Oggi è uno spazio multivalente nella zona di Porta Vittoria, che ospita attività ed eventi legati ad arte e cultura. Ma un tempo aveva davvero a che fare con il ghiaccio e con la vita quotidiana.
Ci troviamo infatti in quella che nel 1899 era nata come Fabbrica del Ghiaccio di Milano con annessi i magazzini refrigeranti, con lo scopo, tra le altre cose, di conservare gli approvvigionamenti alimentari della città, ma nel corso del tempo hanno “ospitato” anche beni e oggetti preziosi degli abitanti.
Non solo: qui sorge anche il Palazzo del Ghiaccio di Milano, edificio Liberty del 1923 che all’epoca pare fosse la pista di ghiaccio più grande d’Europa. Fu bombardato durante la Seconda Guerra Mondiale ma riaprì al pubblico e rimase attivo fino al 2002.
E fino a domenica ospiterà incontri, mostre e performance. Come quella di domani alle 19 dedicata ad una grande scrittrice.
eventi letterari a MilanoOgni anno, infatti, Writers rende omaggio ad una figura simbolo di letteratura e cultura (e finora, felicemente, lo ha fatto sempre con grandi figure femminili. Dopo Wiszlawa Szymborska, Alda Merini e Fernanda Pivano, quest’anno il palcoscenico è per Irène Nemirovsky, la scrittrice di lingua francese nata in Ucraina e morta ad Auschwitz nel 1942. Ed io sono felice perchè ho letto solo pochi anni fa il suo meraviglioso Suite Francese e l’ho amato.
E tra i diversi eventi in programma durante Writers voglio segnalarvene anche un altro, perchè è legato ad un’altra scrittrice, che ho avuto il piacere di conoscere, ed al libro con il quale, qualche mese fa, ci ha condotto a scoprire una delle zone più suggestive di Milano. “Il volo è una scrittura del corpo nel cielo”: è una mostra in cui nove artisti si sono lasciati ispirare dal libro “Il poeta dell’aria” di Chicca Gagliardo. L’arte del volo poetico umano raccontato in 33 “lezioni”.

 

festival letterari a Milano
Bookpride, credits The Buzzing Page

Bookpride e l’archeologia industriale

E poi vi lascio con un’anticipazione di un evento del 13 aprile. E lo faccio perchè anche in questo caso si tratta di un intreccio tra il mondo dei libri e quello di una Milano che cambia e si rigenera. E’ Bookpride, la fiera degli editori indipendenti. Che dopo aver animato anche lei i Frigoriferi Milanesi (nella prima edizione l’anno scorso) quest’anno ha scelto un altro luogo simbolo della Milano post-industriale, in una zona della città da anni in continua trasformazione e vitalità. Si tratta di Base, ovvero un luogo di innovazione, co-working, laboratori creativi e culturali nato da pochissimo nei 6mila mq dell’ex Stecca delle storiche Acciaierie Ansaldo, tra via Bergognone e Via Tortona (la stessa strada che ospita oggi anche il Mudec, il nuovo museo delle culture a Milano).

L’anno scorso Bookpride ha ospitato 124 marchi dell’editoria indipendente ed un ricco programma di eventi. Per quest’anno i lavori sono ancora in corso e potete tenerli d’occhio sul loro sito.

Milano Città del Libro, lo è stata l’anno scorso, ma mi piace pensare che continui ad esserlo, anche con miscele così interessanti di storie e luoghi.

Published by

Mariangela Traficante

Benvenuti! Se volete diventare turisti letterari e vi piacciono anche i libri di viaggio, eccomi qui. Sono Mariangela, giornalista e blogger, e abbiamo una passione in comune: viaggiare con un libro in mano, ma non solo! Vi racconto di luoghi di libri e di scrittori. Provo a consigliarvi cosa leggere prima di partire, e a lasciarvi ispirare da un libro di viaggio, da un racconto e, perché no, anche a scrivere il vostro!

Grazie per aver letto questo articolo! Se vorrai lasciarmi un tuo commento ne sarò felice!