capolavori della letteratura milano

A Milano il giovedì è magico per chi ama viaggiare con i libri

Qui Milano, qui mondo.

Ci sono tanti modi belli per viaggiare con i libri e per far scoprire il mondo attraverso le pagine. Si può fare con le storie che raccontano l’angolo dietro casa in mille sfumature diverse, e magari svelano curiosità mai sapute, e si può fare scoprendo insieme Paesi vicini e lontani con i loro romanzi. A Milano hanno scelto di fare tutte e due le cose, con un pizzico di bellezza in più: seguendo i libri si possono conoscere tanti interessanti luoghi della cultura in città, a cominciare dalle librerie indipendenti.

E succede tutto di giovedì, giorno magico a quanto pare!

E’ tanto che non scrivo qui, e quale modo migliore per ritornare a farlo che partire dalla città in cui vivo? Milano diventa sempre più bella per chi ama i libri: è diventata Città della Letteratura Unesco, e questo 2018 si è aperto con due belle novità che se vivete da queste parti vi piaceranno. E che – chissà – saranno da ispirazione per condividerle anche altrove.

sognando macondo: volete rileggere il capolavoro di Gabriel Garcia marquez?

Ci sono i grandi classici che ci hanno fatto leggere a scuola e che faranno sempre parte del nostro bagaglio. Ma quanto ne sappiamo dei classici più letti e amati nelle altre culture? Se vi incuriosisce scoprirlo, a Milano non perdetevi Capolavori dal mondo.
Per favorire il dialogo interculturale e la conoscenza reciproca, il Comune di Milano ha invitato le associazioni delle comunità internazionali presenti in città, riunite nel Forum della Città Mondo, a presentare al pubblico i capolavori delle loro letterature: quali scrittori antichi e moderni vengono letti e amati nelle culture diverse dalla nostra, quali vengono studiati a scuola e quali hanno contribuito e contribuiscono a formare le coscienze di popoli lontani dal nostro? Per rispondere a queste domande nasce “Capolavori dal mondo”, il programma di incontri letterari con nove appuntamenti, da febbraio a giugno, distribuiti sul territorio in altrettante sedi dei Municipi di Milano. L’ingresso a tutti gli incontri è libero fino a esaurimento posti (Info: c.reticoopculturale@comune.milano.it
tel. 02.884.46692 – 63633).
Si comincia giovedì 1 febbraio alle ore 18 nella Sala del Grechetto della Biblioteca Sormani con la presentazione di un grande classico della letteratura cinese, il romanzo del XVI secolo “Viaggio in Occidente” che con il suo popolarissimo eroe Scimmiotto ha influenzato anche il nostro immaginario moderno: molti ricorderanno il fumetto disegnato da Milo Manara nel 1976, e i più giovani penseranno invece al manga “Dragon Ball” che a questo classico è liberamente ispirato.

Il secondo incontro avrà luogo giovedì 22 febbraio, sempre alle ore 18, nel Municipio 6 presso la Casa delle Arti – Spazio Alda Merini di via Magolfa e vedrà come protagonista la poesia con un classico in lingua berbera: l’opera di Si Mohand (1849-1905) sarà presentata da Vermondo Brugnatelli, che ne ha curato la prima traduzione in italiano, con letture in lingua originale e canti moderni a cura dell’Associazione culturale Berbera.

Il terzo incontro è una serata speciale dedicata a Gabriel García Márquez per celebrare i 50 anni dalla prima traduzione in italiano di “Cent’anni di Solitudine”: giovedì 1 marzo dalle ore 18 alle 21 all’Auditorium “Cerri” di via Valvassori Peroni (Municipio 3) le associazioni dei colombiani presenti in Italia evocheranno la Macondo di Gabo con letture collettive, una conferenza che esplora i rapporti tra la musica popolare colombiana e la prosa del romanzo e un concerto tenuto da un gruppo musicale venuto appositamente dalla regione di Baranquilla in Colombia.

La rassegna proseguirà con i capolavori di Egitto (Mahfuz, 15 marzo Biblioteca Fra Cristoforo, Municipio 5), Cile (poesie di Neruda, 19 aprile Casa della Memoria, Municipio 9), Brasile (Vinícius de Moraes, 3 maggio Villa Scheibler, Municipio 8), poi un altro evento speciale, giovedì 17 maggio, al Mercato Comunale di viale Monza 54 (Municipio 2), intitolato “Diwan Mediterraneo” (letture di poesie arabe, italiane e spagnole che illustrano la circolazione degli influssi culturali nelle letterature dei paesi del Mediterraneo). Si concluderà poi con la letteratura indiana (il Ramayana, 31 maggio Biblioteca Sicilia, Municipio 7) e con un incontro dedicato alle voci femminili dell’Africa subsahariana (14 giugno alla Cascina Casottello, Municipio 4).

Come incontrare librai bravi ed entusiasti? Con i Giovedì in libreria!

E se invece volete conoscere Milano e le sue storie (anche) nascoste? Si può andare in libreria! Quelle di L.I.M., l’associazione delle librerie indipendenti di Milano. Che hanno lanciato i Giovedì in libreria. A turno ogni libreria – per ora quelle del Municipio 1 ma speriamo davvero che si allarghi a tutta la città – racconteranno Milano attraverso libri, autori e personaggi, momenti della sua storia e aspetti della sua geografia, la sua arte e la sua musica, lo spettacolo e lo sport. Ottima occasione anche per scoprire le librerie di quartiere di Milano e i loro attivissimi e bravi librai.
C’è per esempio la Milano nascosta nel sottosuolo (Parole e Pagine) o lungo i suoi Navigli (Libet), una città che non ha né mari né monti ma è vicinissima e legata ad entrambi (Libreria del Mare, Monti in Città), una città che da sempre ama e pratica lo sport (Libreria dello Sport). E poi la Milano nel Medioevo e nell’antichità (Il Domani, Alfea, Baravaj, Malavasi), durante la guerra (Libreria Militare) e nel dopo guerra attraverso rappresentanti significativi di quegli anni (Utopia, Libreria del Mondo Offeso), negli anni del boom (Tempo Ritrovato) e nel ’68 (Scaldasole books), i romanzi gialli a Milano (Colibrì), dei quartieri variopinti (Verso) e Milano per i bambini (Linea d’Ombra), Milano  della musica (Gallini, Birdland), dello spettacolo (Libreria dello Spettacolo) e dell’arte (Libreria Bocca), una città che riscopre monumenti poco noti come San Sepolcro (Libreria Terra Santa), adotta tradizioni internazionali (Trovalibri, 6Rosso) e che si pone come una Milano plurale, aperta ed accogliente (Libreria Claudiana).

Tanti appuntamenti, fino a novembre, e il calendario completo con gli indirizzi e tutte le info sulle librerie di Milano che ospitano gli incontri lo potete trovare qui.

Anche nelle vostre città ci sono appuntamenti di questo tipo? Cosa amate di più delle vostre librerie del cuore? Raccontatemelo, sono curiosa!

Published by

Mariangela Traficante

Benvenuti! Se volete diventare turisti letterari e vi piacciono anche i libri di viaggio, eccomi qui. Sono Mariangela, giornalista e blogger, e abbiamo una passione in comune: viaggiare con un libro in mano, ma non solo! Vi racconto di luoghi di libri e di scrittori. Provo a consigliarvi cosa leggere prima di partire, e a lasciarvi ispirare da un libro di viaggio, da un racconto e, perché no, anche a scrivere il vostro!

2 thoughts on “A Milano il giovedì è magico per chi ama viaggiare con i libri

    1. Grazie a te Marta! Sono contenta che ti sia stato utile, e se conosci altre iniziative di questo tipo condividile pure qui, a presto!

Grazie per aver letto questo articolo! Se vorrai lasciarmi un tuo commento ne sarò felice!