A Fa’ la cosa giusta per scoprire il viaggio consapevole dei sentieri (anche urbani)

turismo responsabile a Fa' la cosa giusta
credits Luana Monte

Risveglia la città.

Recita così – e poi vi racconterò anche perchè – lo slogan di un appuntamento che per me è ogni anno irrinunciabile a Milano. Parlo di Fa’ la cosa giusta, ovvero la fiera (anche se chiamarla così sembra quasi riduttivo) del consumo critico e degli stili di vita sostenibili. La seguo con entusiasmo dagli albori, tredici anni fa, e ora mi preparo alla nuova edizione, questo weekend, dal 18 al 20 marzo (a fieramilanocity). Quello che mi piace, di Fa’ la cosa giusta, è che riesce a coinvolgere tutti gli svariati aspetti della nostra vita quotidiana. Perchè quando si pensa ad un consumo critico spesso ci si fa venire in mente quasi esclusivamente l’alimentazione. E invece si possono sempre compiere scelte consapevoli, facendo la spesa, muovendosi, acquistando un regalo. Oppure viaggiando, ovviamente. In modo responsabile, slow, etico. E il turismo responsabile a Fa’ la cosa giusta conta sempre su ampi spazi (ecco l’intervista ai creatori di Wonderway che avevano raccontato la Milano emozionale l’anno scorso), che poi sfociano spesso in altrettante letture, perchè Terre di Mezzo, che la organizza, è anche una casa editrice molto attenta ai temi del turismo sostenibile.

 

credits Alessia Gatta
credits Alessia Gatta

E quindi, se anche voi come me state programmando di partecipare a Fa’ la Cosa Giusta (qui il programma), ho raccolto per voi alcuni spunti di quello ci sarà in fiera per chi ama viaggiare (e leggere di viaggi) anche in modo insolito.
Tra i progetti speciali di quest’anno ci sono i Percorsi a piedi e Grandi itinerari italiani ed europei, e non poteva essere altrimenti in occasione dell’anno nazionale dei Cammini, che coincide anche con il Giubileo straordinario. E in effetti il viaggio a piedi è quello più slow e a meno impatto che si possa immaginare.
Cammini di storia e di fede come la Via Francigena, il Cammino di Santiago, il Cammino di San Benedetto e di San Francesco.

  • Venerdì 18 marzo, ad esempio, si parlerà del Cammino di San Benedetto tra Subiaco e Montecassino, con focus storico-culturale tra abbazie e santuari nel Lazio

  • Sempre venerdì 18 marzo, alle 18, si racconterà l’esperienza di chi ha già percorso la Via Francigena

  • L’Umbria porterà in fiera la Via di Francesco e i Cammini Francescani

  • Domenica 20 sarà presentata “La Via di Francesco”, guida e taccuino per il viaggio (Touring Editore) con l’autore Fabrizio Ardito.

Per chi ama viaggiare a piedi, nello Spazio Percorsi di Terre di mezzo ci sarà la possibilità di incontrare gli autori delle guide ai Percorsi a piedi e in bicicletta di Terre di mezzo Editore.
Si racconterà anche il portale Piuturismo (lo trovate allo stand TC05 pad.3), che ha l’obiettivo di creare una grande community di viaggio attenta all’ambiente raccogliendo luoghi, itinerari, strutture ricettive sostenibili.
Poi il turismo urbano, uno dei miei preferiti.

turismo responsabile a Fa' la cosa giusta
La cooperativa La Paranza porterà alla scoperta delle Catacombe di Napoli, mentre l’associazione Borghi Autentici d’Italia racconterà (sabato 17 in Piazza Territori resistenti) un nuovo progetto dove i turisti saranno considerati “cittadini temporanei” del borgo (e sono decisamente curiosa di scoprire come).

Milano e l’ispirazione insolita

Ma ci sono in particolare due progetti che mi hanno colpito e non poteva essere altrimenti: coniugano il turismo sostenibile con la riscoperta e la valorizzazione del proprio “sotto casa”, delle strade e delle storie che incontriamo tutti i giorni. sono dedicate a Milano. Una si chiama proprio “Risveglia la città: mappa partecipativa dei luoghi d’ispirazione urbani” (ricordate lo slogan all’inizio dell’articolo?): sarà un laboratorio in cui i partecipanti potranno condividere i propri luoghi d’ispirazione, che si trasformeranno in icone grazie alla mano di un illustratore e magari nasceranno nuovi percorsi turistici di Milano da scoprire.

Come, per esempio, a piedi. E’quello che ha deciso di fare il progetto Sentieri Metropolitani: con Gianni Biondillo, architetto-scrittore che i luoghi ama scoprirli camminando, come ha fatto a Milano, voltando le spalle al Duomo e arrivando fino a Rho.

Ps: per accompagnare questa cascata di spunti viaggianti ve ne lascio un ultimo, Speziale, un’area dedicata al thè ed alle spezie. Non propriamente turistico, ma è un modo per scoprire il mondo, e si abbina ottimamente anche a un bel libro.

Published by

Mariangela Traficante

Benvenuti! Se volete diventare turisti letterari e vi piacciono anche i libri di viaggio, eccomi qui. Sono Mariangela, giornalista e blogger, e abbiamo una passione in comune: viaggiare con un libro in mano, ma non solo! Vi racconto di luoghi di libri e di scrittori. Provo a consigliarvi cosa leggere prima di partire, e a lasciarvi ispirare da un libro di viaggio, da un racconto e, perché no, anche a scrivere il vostro!

One thought on “A Fa’ la cosa giusta per scoprire il viaggio consapevole dei sentieri (anche urbani)

Grazie per aver letto questo articolo! Se vorrai lasciarmi un tuo commento ne sarò felice!